Liberarsi dei parassiti del cane

Liberarsi dei parassiti del cane

Esistono molti parassiti intestinali e non del cane, appartenenti a varie specie. Ognuna di esse porta con sé differenti pericoli per la sua salute, ed è importante agire il prima possibile per eliminarle. Nelle prossime righe troverete tutti i nostri consigli su come affrontare pulci e zecche.

Togliere le zecche

Le zecche sono indubbiamente piuttosto facili da notare, grazie alla loro dimensione. Si attaccano alla pelle del cane, anche in punti più delicati come le orecchie. Il parassita, una volta che si è aggrappato alla cute, inizia a succhiare via il sangue, aumentando di spessore e assumendo un colore decisamente più scuro. Nei cani con il pelo lungo vi consigliamo di effettuare dei controlli periodici, perché potrebbe essere più difficile scoprire la loro presenza. Basta passare la mano sulla pelle del cane, cercando di sentire se ci sono dei punti in rilievo sulla cute. In tal caso è possibile si tratti proprio di una zecca.

Togliere le zecche è piuttosto facile. Prendiamo una pinzetta e la disinfettiamo con cura, per poi prendere il parassita, preferibilmente dalla testa. Questa accortezza è dovuta alla necessità di tirar via tutta la zecca, evitando che la bocca resti attaccata alla pelle. Una volta preso il parassita lo tiriamo via, asportandolo completamente. La zona dove il cane è stato morso inizierà a sanguinare, per cui si deve disinfettare anche qui, così da proteggere l’animale da eventuali infezioni.

Come eliminare le pulci

Le pulci sono più difficili da notare rispetto alle zecche, perché sono davvero molto piccole. Possiamo avere un primo segnale della loro presenza se notiamo che il cane si sta grattando più del normale. Nei casi peggiori il cane può arrivare a grattarsi fino a sanguinare: il fastidio provocato dalle pulci può essere davvero tremendo per l’animale.

Oggi abbiamo a disposizione diverse soluzioni che ci permettono di prevenire e, nel caso, intervenire dopo che il problema si sia presentato: una scelta ampia di prodotti da utilizzare direttamente sul cane, che deve però essere accompagnata anche a qualche attenzione verso l’ambiente che il cane vive.

Vi suggeriamo di lavare con cura anche tutte le superfici con cui l’animale domestico entra in contatto, come tappeti, coperte, cuscini, cucce ed eventuali vestiti. Potrebbero esserci non solo le pulci, ma persino le loro uova e le loro larve. In questo modo riuscirete a evitare una loro potenziale ricomparsa.

Operare una buona prevenzione

In questi paragrafi vi abbiamo suggerito come intervenire in caso di infestazione, ma la verità è che la soluzione migliore è, come spesso accade, la prevenzione. Oggi sul mercato sono disponibili degli antiparassitari molto validi, in grado di colpire i parassiti senza danneggiare in alcun modo la salute del cane.

Questi prodotti hanno una durata limitata nel tempo, per cui vanno riutilizzati dopo che il loro effetto sarà scaduto. Oggi sono presenti soluzioni spot on, liquidi da applicare sul collo del cane, collari e compresse.

Non dimenticate che molti parassiti del cane possono trasmettere pericolose malattie. Questo è il caso della leishmaniosi canina, una malattia trasmessa dai pappataci e che nei casi peggiori può rivelarsi fatale per l’animale domestico. Proprio per questo prevenire è il modo migliore di dimostrare affetto al proprio amico a quattro zampe.

I parassiti intestinali: tenerne conto perché importanti

Anche le infestazioni intestinali possono essere di livello importante per il nostro cane ed è per questo motivo che consigliamo a tutti di studiare quelli che comunemente chiamiamo vermi, che possono colpire tanto gli esemplari più giovani quanto quelli più anziani.

Rimane d’obbligo tenere conto di tutte le possibili evoluzioni in questo senso, ricorrendo anche in questo caso a prodotti che abbiano un’efficacia verificata e che possano effettivamente offrire un piano di copertura.

I commenti sono chiusi.